Galleria Arte Moderna - Palermo da vedere

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Musei e castelli


Visita Galleria d'Arte Moderna


esterno e cortile

alcune opere: tra pitture e sculture

alcune sale espositive

installazioni

La Galleria d'Arte Moderna Sant'Anna o GAM è un museo d'arte moderna ubicato in via Sant'Anna, nel quartiere Kalsa del centro storico di Palermo. Il complesso museale è formato da due edifici uniti in epoca storica: l'ex convento francescano della chiesa di Sant'Anna, di stile barocco, e l'attiguo gotico catalano Palazzo Bonet. La galleria espone opere di importanti artisti tra cui Giovanni Boldini, Massimo Campigli, Carlo Carrà, Felice Casorati, Michele Catti, Giorgio De Chirico, Ettore De Maria Bergler, Emilio Greco, Renato Guttuso, Antonino Leto, Salvatore Lo Forte, Francesco Lo Jacono, Vincenzo Ragusa, Mario Rutelli, Aleardo Terzi, Giuseppe Patania, Mario Sironi, Franz von Stuck.

La prima Galleria Civica di Arte Moderna nasce nel 1910 e viene ubicata nel Ridotto del Teatro Politeama, che doveva essere una sede provvisoria anche a causa della mancanza di spazio, venne creata per la forte volontà di Empedocle Restivo, al quale venne presto dedicata. La sede presso il Teatro Politeama apparve subito poco consona alla Galleria, ma per questioni economiche venne lasciata in quella posizione fino ai giorni nostri, quando restaurato il seicentesco complesso monumentale Sant'Anna la Galleria fu trasferita nel dicembre 2006 e prese il nome di GAM. Il 21 dicembre 2007 la collezione si arricchisce grazie alla donazione di due sculture di Giorgio De Chirico ("Ettore e Andromaca" e "Oreste e Pilade") provenienti dalla collezione Bilotti.

Il complesso museale è composto da due edifici attigui: Palazzo Bonet e l’ex Convento francescano della Chiesa di Sant’Anna. La Galleria ha una terza estensione a Palazzo Ziino: il primo piano accoglie la gipsoteca, prima custodita insieme al resto delle collezioni nella vecchia sede al Teatro Politeama, il secondo piano è adibito a spazio per mostre temporanee.

Tratto da Wikipedia

 
Torna ai contenuti | Torna al menu